AREA TEMATICA:

Purtroppo, negli ultimi 5 anni, i detrattori di Virginia Raggi e del MoVimento 5 Stelle hanno strumentalizzato il tema delle voragini, fingendo però di non sapere che sono un problema a Roma da decenni, causato principalmente dalla conformazione del territorio, caratterizzato da cavità sotterranee realizzate in epoca romana e medievale, nonché dall’integrità di sottoservizi presenti nel sottosuolo.

E’ importante comprendere quanto a volte la causa di questi pericolosi eventi sia molto complessa e legata a dei problemi strutturali che a roma ci portiamo avanti da anni, e per questo non e’ corretto accusare la Sindaca.

Vi faccio un esempio: la voragine che si è aperta in Via Latina, nel municipio VII, lo scorso inverno, la cui chiusura ha visto la collaborazione di ACEA, uffici tecnici, Vigili del fuoco e Polizia locale, che hanno dato vita ad una collaborazione al fine di risolvere una questione molto complessa. Il tutto si è concluso con il finanziamento dei lavori di manutenzione della strada.

Ora vi chiederete, che cosa ha fatto il MoVimento 5 Stelle per migliorare la situazione? Molto semplice:

– 12 progetti in fase di conclusione con interventi che partiranno nei prossimi mesi in tutta la città. Uno di questi ha un importo di oltre 1 milione di euro per mettere in sicurezza 26 aree già censite a rischio frane.

– Oltre 5,6 milioni di euro già spesi per interventi di manutenzione straordinaria per il riempimento delle cavità sotterranee e la messa in sicurezza del territorio.- In fase di aggiudicazione, per la prima volta per l’Amministrazione, di un accordo quadro di manutenzione straordinaria per il dissesto idrogeologico dal valore di 3 milioni di euro per i prossimi 3 anni col quale possiamo intervenire sul territorio più velocemente riducendo i tempi della progettazione.

– Accordo Quadro del valore di 1 milione di euro per la manutenzione ordinaria e la pulizia dei fossi.

– Accordo Quadro per il pronto intervento e la mitigazione del rischio idrogeologico (con segnalazioni provenienti dalla Protezione Civile, dalle strutture capitoline e dai cittadini).

– Accordo Quadro con fondi a disposizione per prove, rilievi e indagini sul territorio di Roma Capitale.

– Cantieri che inizieranno nei prossimi mesi: lavori di riempimento delle cavità sotterranee in via del Mandrione (VII Municipio), via Filarete (Municipio V) e via Bonn (Municipio IX), via Archimede (II Municipio).

A voi i giudizi.

(L’immagine in evidenza mostra la situazione nel sottosuolo della capitale)

https://www.facebook.com/LindaMeleoRoma/posts/2990839627905340

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCEGLI UN ALTRO MUNICIPIO